1.jpg10.jpg11.jpg2.jpg3.jpg4.jpg5.jpg6.jpg7.jpg8.jpg9.jpg
◄ Torna indietro

Alla cascata dell'Acquacheta - appennino romagnolo

Trekking 
 28 mag 2017  |   10:00

Proponiamo uno spettacolare percorso ad anello per raggiungere le famose cascate dell’Acquacheta, le più grandi dell'intero territorio regionale. Lo faremo percorrendo un sentiero meno trafficato rispetto alla normale via di salita, solitamente molto frequentata.  Il tratto di valle dalla cascata a S. Benedetto in Alpe è stato percorso anche da Dante Alighieri intorno al 1300. Allora era una strada “maestra” che collegava il mare Adriatico al Tirreno. Il sommo poeta descrisse la cascata nel XVI canto dell’inferno.

Il percorso

Da S. Benedetto in Alpe (499 m.) dopo aver parcheggiato le nostre auto, saliamo nel fitto bosco di faggi fino al Monte del Prato Andreccio (980 m.) che costituisce il punto più elevato della nostra odierna escursione. Da qui scendiamo al Monte di Londa (937 m.) e infine ai pianoro dei Romiti (734 m.), culla erbosa incastonata come un diamante fra montagne ricchissime di boschi. Dopo aver ammirato le cascate, proseguiamo per il mulino dei Romiti e per Cà del Rospo (570 m.) per giungere alla fine a S. Benedetto in Alpe.
A fine escursione, se ci sarà tempo e voglia, potremo fare una breve digressione per visitare il Ponte della Brusia, antico manufatto medievale a schiena d'asino. In alternativa potremo assaggiare qualche specialità locale prima di intraprendere il viaggio di ritorno...

Come quel fiume c'ha proprio cammino/ prima dal Monte Viso 'nver' levante,/ da la sinistra costa d'Apennino,/ che si chiama Acquacheta suso, avante/ che si divalli giù nel basso letto,/e a Forlì di quel nome è vacante,/rimbomba là sovra San Benedetto/ de l'Alpe per cadere ad una scesa/ ove dovea per mille esser recetto;/ così, giù d'una ripa discoscesa,/ trovammo risonar quell' acqua tinta,/ sì che 'n poc' ora avria l'orecchia offesa.
(Dante Alighieri - Divina commedia - Inferno - canto XVI)

 

ritrovo per chi parte da Parma: Parcheggio scambiatore nord ore 06,45.

spostamenti: auto proprie con eventuale utilizzo del Car Pooling

Difficoltà: Media

Dislivello: 550 metri circa

Quota massima raggiunta: 937 m.

Lunghezza: 12 Km circa

In movimento: 5,00 ore circa

orario presunto di rientro alle auto: 17.00.

pranzo: al sacco a cura dei partecipanti. Scorta d’acqua minimo 1,5 litri a testa.

quota individuale: € 15,00. La quota comprende esclusivamente il servizio di accompagnamento da parte di Guida Ambientale Escursionistica.

numero partecipanti: minimo 8 massimo 18.

abbigliamento ed equipaggiamento consigliati: scarponcini da trekking, no scarpe da ginnastica, pantaloni lunghi leggeri, giaccavento impermeabile, felpa o pile leggero, cappello e occhiali da sole, zainetto, borraccia, macchina fotografica, binocolo. Utili i bastoncini telescopici da trekking e un repellente per zanzare.


Iscrizioni: entro venerdì 26 maggio 2017. contattare la Guida via mail/telefono per la verifica della disponibilità di posti.

 

Nota informativa

  • Il Car pooling, divulgato in Italia principalmente dalla piattaforma Bla Bla Car, è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione di automobili private tra un gruppo di persone, con il fine principale di ridurre i costi del trasporto. È uno degli ambiti di intervento della cosiddetta mobilità sostenibile. Terre Emerse per questo ed altri motivi incoraggia il car pooling chiedendo ai partecipanti di mettere a disposizione la propria automobile per raggiungere il luogo di partenza dell'escursione, dando un passaggio ad altri partecipanti.
    Le spese di viaggio sono calcolate sommando il costo del viaggio di tutte le auto, poi diviso per tutti i partecipanti, ad eccezione dei guidatori e della guida (che non pagano le spese viaggio). Al momento dell'iscrizione vi verrà richiesto se potete mettere a disposizione l’auto per dare passaggi o se invece preferite essere trasportati.Costo del viaggio Parma - Cancelli e ritorno: € 11,00

  • è facoltà della Guida annullare l’escursione in caso di maltempo o di tempo incerto;

  • è obbligatorio l’uso degli scarponi da trekking se non indicato diversamente, ovvero la guida diffida dal partecipare all’escursione chiunque sia sprovvisto di scarponi da trekking;
  • è obbligatorio rimanere in gruppo, sul percorso indicato dalla Guida senza allontanarsi;
  • chi si allontana dal gruppo, anche con il consenso della Guida lo fa sotto la propria responsabilità ed a proprio rischio e pericolo;
  • è facoltà della Guida variare il percorso e/o la meta dell’escursione in relazione alle condizioni metereologiche, alla tipologia del gruppo accompagnato o a qualsiasi altra motivazione che la Guida reputi valida a giustificare tali variazioni.
  • è cura della Guida calibrare l’andatura dell’escursione in base al grado di allenamento del gruppo, anche a discapito del raggiungimento della meta prevista;
  • Minorenni:  i minorenni possono partecipare alle escursioni solo se accompagnati da uno o più adulti loro diretti responsabili; i minorenni sono sotto la diretta responsabilità dei genitori, insegnanti, accompagnatori di ogni titolo e grado o chi per essi.


Assicurazione della Guida


La Guida è coperta da polizza RCT (responsabilità civile) sottoscritta da AIGAE (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche). Copre la Guida associata da tutti i rischi derivanti da responsabilità diretta o indiretta di quanto dovesse accadere durante l’esercizio delle sue funzioni professionali; il massimale è di 5 milioni di euro.

 




Roberto 339/4876053
piancastelliroberto@hotmail.com
47010 San Benedetto In Alpe FC, Italia

Google Maps